Tra le storie e i volti non dimenticare, Raffaele Gargiulo, vittima innocente, assassinato la sera
dell’8 luglio 2008, dal camorrista Cristiano Valanzano e da Gaetano Caruso e Angelo Maresca,
nipote di un affiliato al clan D’Alessandro, mentre era in auto con una sua amica, in via via
Quisisana, in una zona periferica di Castellammare di Stabia in provincia di Napoli; il
Coordinamento Nazionale Docenti della disciplina dei Diritti Umani ne rievoca la sanguinosa
vicenda attraverso il racconto della studentessa Giulia Menzano, della classe I sez. D, del Liceo
scientifico Filolao di Crotone:
“Raffaele Gargiulo, morto, ammazzato, a 38 anni, a Castellammare di Stabia, in provincia di
Napoli, l’8/7/2008. La sua non è la storia di un eroe che combatte contro il male. Non è la storia di
un servitore della patria che cade sotto i colpi della “vendetta” dei cattivi. No, ma è, ugualmente,
una storia assurda, da brividi, da raccontare. È una storia che avrebbe potuto vedere quale
sfortunato protagonista una qualsiasi altra brava persona. Una storia di ordinaria follia e
cattiveria, una storia finita nel sangue per colpa di due balordi, vili e indegni.
La storia, anzi la fine della storia per un giovane uomo, aggredito e ucciso in una tentata rapina
degenerata in un omicidio. Aggredito in momento assolutamente inaspettato ed ucciso mentre
cercava di sfuggire alla cattiveria ed alla “fame” di due criminali.
Si era appartato, in una zona isolata, in auto, con la sua fidanzata alla ricerca di intimità. Si
avvicinarono due malviventi, armati di pistola, e nel momento in cui Gargiulo avviò la sua vettura
per sottrarsi alla rapina fu raggiunto da un proiettile che lo uccise, mentre i banditi si diedero alla
fuga.
I responsabili dell’omicidio furono arrestati pochi mesi dopo, grazie alle indagini congiunte di
polizia e carabinieri.
Rimane la tristezza per l’ennesima vittima innocente di un mondo malato e degradato. Un mondo
nel quale la vita di un giovane uomo, sembra, non abbia alcun valore. Un mondo in cui
giovanissimi criminali, alla ricerca di facili guadagni, sono pronti ad ogni azione, senza alcun
rispetto per gli altri, ma a ben vedere senza alcun rispetto anche per la propria esistenza.
Rimane il vuoto.
L’assenza di un giovane uomo a cui è stato negato il futuro, l’assenza di un giovane uomo che
avrebbe potuto essere qualunque altra persona. E, assolutamente, ciò non può essere accettabile.”
Il Coordinamento Nazionale Docenti della disciplina dei Diritti Umani rileva come il progetto
“#inostristudentiraccontanoimartiridellalegalità” stia diffondendo tra le giovani generazioni volti,
storie, episodi veramente straordinari per la loro valenza educativa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

You cannot copy content of this page