Napoli: L’Inter sta per arrivare al Maradona forte del miglior attacco d’Italia, con 30 gol segnati in campionato e otto in Champions League.

E’ questo il macigno che il Napoli deve riuscire a fermare domenica sera, il nuovo esordio in casa di Walter Mazzarri che sente l’attesa della città dopo due gare esterne, incoraggianti sul piano del gioco ma non ancora segno di svolta totale.

L’obiettivo è ritrovare quel gioco che Luciano Spalletti riuscì a costruire in tutti i match della scorsa stagione, ma la squadra non è identica e la differenza fondamentale è proprio al centro della difesa, con l’addio estivo di Kim. I numeri parlano chiaro: 14 gol subiti lo scorso anno contro i 23 di questa stagione. Mazzarri ci sta lavorando ma deve anche fare i conti con l’infermeria che anche oggi ha portato Mario Rui e Olivera a fare terapie e con il rebus della fascia sinistra da coprire. A Madrid c’è stato Juan Jesus, che difende ma non corre come i due titolari a sostenere Kvaratskhelia in attacco e il tecnico sta pensando se schierare Natan a sinistra, preferendogli Ostigard o lo stesso Juan Jesus al centro della difesa insieme a Rahmani.

Intanto Zielinski ha recuperato la botta ricevuta a Madrid ed è pronto per l’Inter, nel centrocampo confermato con Lobotka e Anguissa; anche Lindstrom è tornato in gruppo. Il Maradona è già quasi tutto esaurito, con pochi posti liberi solo nella Tribuna Posillipo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

You cannot copy content of this page