L' Altra Notizia

L' informazione indipendente

Salute

COVID-19. Ricciardi: “Un nuovo lockdown per ridurre i contagi”

Anche se l’ultimo Dpcm ha introdotto delle nuove misure restrittive e determinato la chiusura di attività come palestre e teatri, alcuni esperti ritengono che siano necessarie delle misure ancora più aspre per contenere la diffusione del coronavirus Sars-CoV-2. Walter Ricciardi, in particolare, sostiene che sarebbe essenziale un nuovo lockdown per ridurre l’indice di contagio del 24%. “Un’altra riduzione del 15% si avrebbe con la chiusura delle scuole, un altro 13% con lo smart working generalizzato nel pubblico e nel privato e un 7% con interventi sul trasporto pubblico”, ha aggiunto il professore ordinario di Igiene all’Università Cattolica del Sacro Cuore e consulente del ministero della Salute per l’emergenza coronavirus. Per l’esperto, adottando tutte queste misure i risultati sarebbero visibili in appena otto giorni.

Nel corso del webinair “Oltre l’emergenza”, Ricciardi ha spiegato che “la via da seguire è quella delineata da una ricerca dell’Università di Edimburgo, pubblicata su Lancet la scorsa settimana: è necessario un altro lockdown”. Per l’esperto, “in Europa la situazione è fuori controllo perché i governi esitano a prendere le decisioni coraggiose che servono al momento giusto, anticipando il virus e non rincorrendolo”. Riferendosi alle misure introdotte con l’ultimo Dpcm, Ricciardi le ha definite delle “misure di facciata”, che non sostituiscono un vero lockdown.

Se abbiniamo gli strumenti tecnologici che abbiamo al pensiero razionale possiamo invertire la curva e affrontare un inverno non così drammatico come invece si sta prospettando”, ha aggiunto. “Affidarsi alla responsabilità dei singoli cittadini porterebbe, nella migliore delle ipotesi, a una riduzione dei contagi di appena il 3%”, ha poi sottolineato l’esperto. Si tratterebbe di un risultato nettamente inferiore a quello che, secondo Ricciardi, si potrebbe raggiungere abbinando a un lockdown la chiusura delle scuole, lo smart working e gli interventi sul trasporto pubblico.

LEAVE A RESPONSE

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
You cannot copy content of this page
YouTube
RSS