Napoli: Sabato 14 gennaio alle ore 11.00 aprirà al pubblico la personale di Camillo Ripaldi, dal titolo “SETTE TIPI DI BLU oppure solo blu”, a cura di Luca Manzo.

La mostra prevede l’esposizione diffusa di sette fotografie di opere emblematiche appartenenti alla collezione del Museo Civico Gaetano Filangieri. Il Complesso Monumentale San Severo al Pendino accoglierà sei delle opere, mentre il Museo Filangieri ospiterà, nella preziosa sala Agata, un’unica grande immagine chiave che rimanda alle altre inserite nelle nicchie degli altari delle cappelle della chiesa.

Per questo progetto Camillo Ripaldi sceglie di navigare con la sua macchina fotografica nel blu e lasciarsi orientare dal puro colore. Le poche esistenze ritratte ondeggiano bellissime senza peso e si fondono in forme semantiche, annullano leggi prossemiche in un solo spazio condiviso che non mette barriere ma anzi diminuisce confini e contorni nelle sue sfumature di blu.
La mostra ha ricevuto il Matronato della Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee di Napoli.

Camillo Ripaldi (Napoli 1970) ha esposto i suoi progetti allo Studio Trisorio nel 2002 e nel 2006.
Ha realizzato nel 2004 a Castel dell’Ovo, in collaborazione con la Soprintendenza per il Polo Museale Napoletano, la mostra “Notizie da Capodimonte”, a cura di Stefano Causa.
Nel 2005, in collaborazione con l’Archivio di Stato di Napoli, la mostra “Banca Dati”.
Nel 2011, a cura di Marco de Gemmis e dello Studio Trisorio, la mostra “Condensazioni” al PAN Palazzo delle Arti di Napoli.
Nel 2016, a cura di Marco de Gemmis con il matronato del Museo Madre e in collaborazione con la Fondazione Morra Greco, la mostra “Questi fotografi non sono io”, Museo Archeologico Nazionale di Napoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

You cannot copy content of this page