Provo a svolgere il mio ruolo di consigliera di opposizione non rincorrendo frasi da slogan , articoli e post degli opinionisti.
Ancora una volta stamattina mi sono interfacciata con gli uffici preposti per comprendere la vicenda degli ” Asili Nido” a partire dagli uffici delle Politiche Sociali.
Il Comune di Marano ha rilasciato le autorizzazioni per 154 ” posti” tra gli asili Nido privati e pubblici. A breve sarà emanato l’avviso pubblico per la gestione dell’asilo nido comunale realizzato e finalmente ultimato ( progetti fondi PICS) nell’area confiscata alla criminalità organizzata ” Area Dalla Chiesa ” . Altresi il Comune di Marano , come si evince dal sito del Ministero e riportato da un articolo di Calvizzanoweb, risulta essere in graduatoria al trentesimo posto per i progetti relativi ai fondi PNRR . Al Comune di Marano sono stati assegnati 3 milioni e 24 mila euro per attivare nuovi 126 posti. Da un articolo de Il Mattino a firma del giornalista Marco Esposito il Comune di Marano risulta essere tra i Comuni Cattivi ” posti finanziati e non attivati” L’amministrazione faccia chiarezza. Non ha utilizzato quei fondi? Inoltre ha aderito al bando e alla progettazione come pubblicato anche sul sito Anci Campania per il 2024?
I bambini sono i principali protagonisti sociali e a loro dobbiamo destinare grande attenzione. Per trovare le risorse necessarie al supporto delle scuole primarie e degli asili, occorre incrementare il numero dei posti negli asili ed aprire nuove strutture nido, in particolare introdurre la figura del nido di quartiere e potenziare il tempo pieno delle scuole, al fine di favorire, soprattutto per le donne, la possibilità di conciliare famiglia e lavoro, supportando in tal senso anche l’autonomia economica femminile, da sempre limitata dall’esigenza di cura familiare. Il “dove” e il “come” le bambine e i bambini compiano il loro percorso scolastico rappresenta il fondamento cardine dell’educazione, dell’apprendimento e della formazione e ciò necessariamente deve avvenire in ambienti sani, salubri, allegri, termoregolati, costruiti a misura delle esigenze dei bambini, come la letteratura pedagogica insegna da sempre. Questi devono poter trascorrere le loro ore con sicurezza e serenità nelle aule, nelle palestre e negli spazi comuni. Serve, quindi, volgere grande attenzione all’edilizia scolastica, all’attivazione, al reinserimento e al potenziamento delle mense scolastiche, oltre che al recupero di palestre, teatri, spazi all’aperto, spesso abbandonati a se stessi o fatiscenti. Nelle prossime ore continuerò ad approfondire ma credo che l’amministrazione debba fare immediatamente chiarezza.

Stefania Fanelli consigliera comunale gruppo Fanelli Sindaco La Città dei Diritti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

You cannot copy content of this page