L' Altra Notizia

L' informazione indipendente

Ambiente Politica

MARANO. Fanelli: “Bisogna pubblicare i dati della raccolta differenziata”

Gentile Presidente le scrivo in quanto garante del lavoro svolto nel civico consesso.
Come ben ricorderà il 3 giugno è stata approvata una mozione in consiglio comunale, di cui ero la prima firmataria, diventata quindi delibera di consiglio comunale.
Tale delibera, la n.54 del 3/6/19 , da mandato all’amministrazione di predisporre la pubblicazione dei dati della raccolta differenziata, suddivisi per tipologia e siti di CONFERIMENTO,sia quella raccolta porta a porta sia quella conferita presso l’isola ecologica.
Nella delibera è presente anche l’emendamento in cui si chiede alla ditta preposta alla raccolta la predisposizione di un’app per i cittadini per fornire utili informazioni per una corretta raccolta differenziata.
A tutt’oggi l’amministrazione non ha dato alcun mandato affinché si desse seguito alla delibera di indirizzo.
L’obiettivo della mozione era, e resta , quello di garantire una filiera trasparente dei rifiuti. Altro obiettivo coinvolgere ed informare la cittadinanza con manifesti pubblici dell’andamento della raccolta per rendere partecipe ogni cittadino nel processo di differenziazione dei rifiuti in modo equo e trasparente. Coinvolgere la cittadinanza per realizzare una migliore raccolta differenziata, non solo in termine di percentuali ma anche in termini di qualità( la crisi della filiera dell’organico è dovuta alla pessima qualità ).Una differenziazione di qualità che possa portare all’incasso di corrispettivi significativi che portino successivamente ad un risparmio in bolletta.
Caro Presidente la invito formalmente a dare seguito a ciò che si produce in consiglio comunale . Siamo stati eletti dai cittadini per occuparci dei bisogni di una collettività ma se non si da seguito a quanto prodotto nel luogo della rappresentanza e della democrazia allora dovremmo tutti andare a casa. Scaldare semplicemente la sedia in consiglio comunale non serve a nessuno, soprattutto non serve alla città ”
Stefania Fanelli, consigliere comunale.
Aggiungo poi che l’amministrazione a tutt’ oggi non ha messo ancora in campo azioni strategiche per debellare lo sversamento illegale dei rifiuti in ogni parte della città da parte di farabutti incivili che utilizzano la città come discarica personale.
Il progetto di VIDEOSORVEGLIANZA è insufficiente. Occorre partire con una campagna seria di sensibilizzazione e controlli .Cosa aspetta l’amministrazione a convocare tavoli periodici permanenti con i responsabili ufficio igiene urbana, nucleo ambientale della polizia municipale, responsabile protezione civile, responsabili della ditta preposta alla raccolta, rappresentanza di cittadinanza attiva.
Cosa aspetta l’amministrazione a convocare assemblee pubbliche con i dirigenti scolastici, gli amministratori di condominio, i parroci del territorio.
L’amministrazione prendesse esempio dalle parole di Peppino Impastato” se si insegnasse la bellezza si offrirebbe un’arma contro la rassegnazione “.
La parte migliore di questa città non si rassegna all’incuria, al degrado e alla non bellezza . La città ed i luoghi sono di chi li vive, li attraversa, abbiatene rispetto sbloccando una volta per tutto il corretto funzionamento a pieno regime dell’isola ecologica in città.

Stefania Fanelli

LEAVE A RESPONSE

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
You cannot copy content of this page
YouTube
RSS