L' Altra Notizia

L' informazione indipendente

Attualità Cronaca Sociale Web Tv

“Marano non è terra di Gomorra”, ieri il presidio contro la violenza. Troppi gli assenti ingiustificati

“Marano non è terra di Gomorra”: lo hanno affermato a gran voce gli attivisti della casa del popolo che ieri pomeriggio hanno convocato un presidio contro la violenza. Purtroppo, come ormai siamo abituati, la città non ha risposto all’appello nato dopo la sparatoria di sabato scorso. Sono passati pochi giorni, eppure sembra che non sia successo nulla, forse semplicemente perché non ci è “scappato il morto”. Probabilmente, in quel caso, oltre agli sciacalli di turno, si sarebbe mossa anche la macchina del dissenso e della solidarietà. Marano non merita di essere citata solo per fatti di cronaca nera, ma c’è bisogno che ognuno faccia la sua parte, dalle istituzioni alle forze dell’ ordine passando per scuola e società civile. Solo lavorando tutti insieme si riuscirà ad evitare che le nostre strade diventino palcoscenico di scene in stile Gomorra.

Diverse le associazioni che hanno accolto e sottoscritto l’appello, portando in piazza le proprie esperienze e le proprie proposte. Assente ingiustificata l’Amministrazione. Su un tema così caldo e delicato ci si aspetterebbe che chi governa questa città partecipi ad iniziative del genere e si faccia portavoce delle istanze dei cittadini.

Marano non è terra di Gomorra, dunque, ma probabilmente ai maranesi non interessa più di tanto. Da ieri c’è ancora maggiore consapevolezza del fatto che questa città ha bisogno di una vera e propria sterzata, una rivoluzione sociale e culturale che avvicini il singolo ai problemi della collettività e unisca tutti per un unico obbiettivo: ridare a Marano la propria dignità.

 

LEAVE A RESPONSE

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
You cannot copy content of this page
YouTube
RSS