“Non stancatevi di sottolineare con la parola e con le azioni che la presenza e la partecipazione degli anziani alla vita sociale è indispensabile per il buon cammino di un popolo”.

E’ anche da questa frase proferita da Papa Francesco che parte la lotta dei carabinieri del comando provinciale di Napoli che combattono quotidianamente tra le strade della città per prevenire le truffe in danno di anziani.
Siamo nel noto quartiere Vomero e i carabinieri della locale compagnia sanno che in zona si aggira un truffatore a bordo di uno honda Sh grigio. Dalle indagini dei militari emerge che il “galoppino” percorre spesso via Salvator Rosa e per questo si decide di stazionare da quelle parti in attesa del momento giusto o della persona sospetta che passa.
Verso mezzogiorno l’attimo che viene colto: i carabinieri notano un ragazzo a bordo di uno scooter che corrisponde a quello segnalato. Il centauro guida a velocità sostenuta in direzione Museo e viene fermato. Perquisito, si tratta di un 21enne del quartiere Stella, viene trovato in possesso di mille euro in contanti e di un cofanetto nascosto negli slip con all’interno diversi gioielli.
Il ragazzo è già noto alle forze dell’ordine, anche per truffa in danno di anziani, e alla domanda sul perché fosse in possesso di gioielli e denaro la risposta non nasconde misteri.
Il 21enne non tergiversa e ammette di aver poco prima commesso una truffa indicando addirittura con assoluta precisione l’indirizzo dell’anziana vittima.
I Carabinieri raggiungono la donna – ha 78 anni – per ricostruire la vicenda. La signora, con problemi di deambulazione per una recente operazione a cui si era sottoposta, è ancora sconvolta quando racconta ciò che in sintesi risulta essere la tipica truffa del finto corriere. Il pronipote rischiava di essere arrestato dai carabinieri qualora non avesse pagato. L’anziana non aveva opposto alcuna resistenza pur di salvare il proprio nipote e aveva raccolto tutti i suoi risparmi, compreso i gioielli di una vita.
Il giovane truffatore viene arrestato e trasferito in carcere, lo scooter è stato sequestrato mentre il denaro e i gioielli sono stati restituiti alla legittima proprietaria.
Intanto però le indagini dei Carabinieri proseguono perché nello stesso giorno e quello prima due anziane 91enni del Vomero sono state truffate.
La prima vittima – con la tecnica del finto corriere – ha ceduto ad uno sconosciuto 1.575 euro e diversi gioielli. L’altra nonnina, caduta invece nella truffa del finto Maresciallo, aveva consegnato 300 euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

You cannot copy content of this page