Caserta: è in corso il monitoraggio da parte dell’Arpac dei valori delle sostanze inquinanti prodotte dall’incendio che il 3 e 4 settembre ha devastato un capannone dell’impianto di rifiuti della società Gesia a Pastorano, nel Casertano, con la combustione di materiale plastico che ha provocato una densa nube di fumo nero e altamente tossico.

I tecnici hanno installato due campionatori ad alto volume, posti a circa 200 metri dal luogo dell’incendio, rispettivamente nella direzione prevalente del vento (sottovento) e nella direzione opposta (sopravento); sempre a poca distanza dal rogo è poi attivo un laboratorio per la misurazione delle concentrazioni orarie di polveri sottili PM10 e PM2.5, monossido di carbonio, ozono, benzene, toluene, xilene, ossidi di azoto.

Tra i dati più rilevanti, fa sapere l’Arpac in una comunicato, quello registrato il 5 settembre, e relativo al benzene; i cui valori, “che possono essere ricollegati all’incendio, sono significativamente superiori al limite di legge (5 µg/m3), che tuttavia – precisa la nota – è espresso in termini di media annua e dunque non è applicabile dal punto di vista normativo al caso specifico”. Picchi superiori al limite di legge si registrano anche per le concentrazioni medie orarie di particolato”; un allarme questo che sembra però rientrato.

“In ogni caso il 6 settembre – spiega l’Arpac – per il quale si dispone del set completo di dati per le 24 ore, non sono riscontrati superamenti dei limiti di legge per gli inquinanti monitorati dal laboratorio mobile”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

You cannot copy content of this page