L' Altra Notizia

L' informazione indipendente

Politica

MARANO. Meetup: “Cinque motivi per cui Visconti dovrebbe dimettersi”

L’attuale Amministrazione Comunale di Marano, con il Sindaco Visconti, si è resa inadempiente sotto molti profili e la sua inefficienza sta seriamente compromettendo
la dignità di ogni cittadino. Il Sindaco Visconti farebbe quindi bene a dimettersi non essendosi mostrato evidentemente capace di amministrare la città e di adottare seri provvedimenti per il
ripristino della legalità e per la lotta alle Mafie. Vi sono molti motivi che dovrebbero indurre Visconti a fare un passo indietro e di seguito ne riportiamo cinque, tra i più rilevanti, perché dimostrano che Visconti e la sua Maggioranza non stanno governando in modo efficiente.

1) Non è stato approvato alcun atto per la redazione del PUC, le cui linee sono state approvate nel 2018 dalla Commissione Straordinaria per tutelare ed estendere le aree verdi, contrastare l’abusivismo e il cemento selvaggio e bloccare la lottizzazione di alcune aree come la C17 e la C14. Non c’è ragione per negare alla Città un nuovo piano regolatore e bloccare la costruzione di nuovi edifici in una città martoriata dall’abusivismo e in cui la Camorra ha sempre gestito le grandi lottizzazioni.
2) L’Amministrazione Visconti non ha compiuto alcun atto utile per provvedere all’abbattimento dei beni abusivi né all’assegnazione dei beni confiscati alla Camorra. Eccezion fatta per alcuni immobili, il resto dei beni confiscati giace inutilizzato e ammalorato, contribuendo a dare una immagine negativa dello Stato oltre che ad essere solo un costo per l’Ente comunale. Eppure ci sarebbe bisogno di alloggi popolari, centri di aggregazione, scuole, uffici, ma Visconti preferisce lasciare tutto com’è lanciando un segnale di resa alla Mafia.
3) La raccolta dei rifiuti presenta in città gravissime criticità al punto che, con l’assenza di controlli da parte dell’Amministrazione Visconti, la Tekra avrebbe sversato percolato in una caditoia per la raccolta delle acque bianche. E’ inoltre cronaca quotidiana la mancata pulizia delle strade, la mancata raccolta dei rifiuti, la mancata manutenzione delle caditoie con conseguenti allagamenti di buona parte della città in occasione delle piogge. Anche in questo caso, nessun provvedimento è stato assunto in un settore da sempre oggetto di interessi camorristici.
4) il Comune di Marano di Napoli omette sistematicamente i controlli per contrastare l’occupazione di suolo pubblico e il parcheggio selvaggio, soprattutto nelle vicinanze di alcuni bar ed esercizi commerciali. Questo non solo causa traffico ma rischia di veicolare all’esterno il messaggio che, in alcune zone della città, si può fare quello che si vuole.
5) Come rilevato dai Commissari Straordinari, a Marano ci sono circa 9000 domande di condono edilizio che non sono mai state esaminate. Molte di queste potrebbero anche essere respinte: non esaminarle consente quindi a chi non ne ha diritto di continuare ad usare un immobile abusivo, con buona pace per la legalità.

Non manutenere i beni pubblici, non effettuare controlli, non disciplinare correttamente il traffico, ignorare completamente la crisi dei trasporti, non è solo inefficienza ma negazione della dignità di ogni cittadino e del suo diritto a vivere in un ambiente urbano decoroso e funzionante. Soprattutto, in un territorio come quello di Marano di Napoli, la mancata adozione di provvedimenti o l’omissione di controlli non può essere considerata semplice incapacità amministrativa perché c’è un bisogno primario di legalità: motore di sviluppo e cambiamento. Visconti farebbe bene quindi a dimettersi per ridare la parola ai cittadini e riportare al centro della vita cittadina principi quali la legalità e la dignità.

Comunicato meetup Marano di Napoli

LEAVE A RESPONSE

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
You cannot copy content of this page
YouTube
RSS