Il prossimo venerdì 21 giugno le studentesse e gli studenti dei licei musicali e coreutici della Città Metropolitana di Napoli celebreranno la Festa Europea della Musica 2024 facendo vibrare i loro strumenti in tre luoghi ricchi di arte e storia, creando momenti di grande suggestione. Alle 18 partiranno i ragazzi del Palizzi di Napoli nella Sala teatrale del Mav con l’orchestra e il corpo di ballo, alle 19 nel Galoppatoio del Palazzo reale di Portici sarà la volta dei giovani musicisti e danzatori del Margherita di Savoia e del Melissa Bassi di Napoli, del Severi di Castellammare di Stabia, del Pitagora – Croce di Torre Annunziata, del Munari di Acerra, dell’Albertini di Nola e del Moscati di Sant’Antimo, mentre nel Parco Maiuri, all’interno del Parco archeologico di Ercolano, alle 19.30 chiuderanno la kermesse gli allievi del Pitagora – Croce, del Munari e del Severi in formazioni da camera e d’insieme. Saranno presenti le Consigliere delegate alla Programmazione e all’Edilizia Scolastica della Città Metropolitana di Napoli, Ilaria Abagnale e Marianna Salierno

La “Festa Europea della Musica 2024”, organizzata dalla Città Metropolitana di Napoli con gli studenti dei licei musicali e coreutici del territorio, con il patrocinio dei Comuni di Portici, Ercolano e della Facoltà di Agraria dell’Università Federico II di Napoli, quest’anno si fa in tre: le note per dare il benvenuto all’estate risuoneranno presso il MAV-Museo Archeologico Virtuale di Ercolano, il Galoppatoio della Reggia di Portici e gli Scavi di Ercolano.

L’evento, al quale parteciperanno le consigliere di Città Metropolitana delegate alla Programmazione e all’Edilizia Scolastica Ilaria Abagnale e Marianna Salierno, vede come protagonisti gli studenti dei seguenti licei musicali e coreutici Città Metropolitana di Napoli: liceo ‘Margherita Di Savoia’ di Napoli, l’Isis ‘Melissa Bassi’ di Napoli, il liceo ‘Palizzi’ di Napoli, il ‘Francesco Severi’ di Castellammare di Stabia, il liceo ‘Bruno Munari’ di Acerra, l’Isis ‘Girolamo Albertini’ di Nola, il liceo ‘Pitagora-Benedetto Croce’ di Torre Annunziata e l’Isis ‘Giuseppe Moscati’ di Sant’Antimo.

L’evento prenderà il via alle ore 18.00 presso la sala teatrale del MAV di Ercolano, dove si esibirà il liceo coreutico e musicale ‘Palizzi’ di Napoli con l’orchestra e il corpo di ballo. Tra i brani in programma Presentimento di E.A Mario, Tu ca nun chiagn di L. Bovio ed E. De Curtis, il concerto in do maggiore per mandolino e archi di Vivaldi, la Sinfonia in D minore di Francesco Piccone, il Sant’Elmo dalla Suite Buenos Aires di Pujol. E poi una vera chicca: A verità nunn è, un brano inedito che vede come autori proprio i ragazzi del liceo musicale.

Alle ore 19.00, presso il Galoppatoio della Reggia di Portici, si esibirà la Wind Orchestra del liceo musicale ‘Margherita di Savoia’ di Napoli con un repertorio che spazia da Giacomo Puccini con la Corazzata Sicilia su temi della “Boheme“ a Lorenzo Bocci con A Tribute To Nino Rota passando per Johano De Meij, Moment For Morricone. A seguire l’orchestra del ‘Melissa Bassi’ con Yo Soy Maria di Astor Piazzolla, Anima Sonora di Antonio Graziano, Passeggiando per Brooklyn di Heghel Gualdi, All Of Me di Gerald Marks e Seymour Simons e Brindisi dalla Traviata di Giuseppe Verdi. La Big-band del ‘Francesco Severi’ di Castellammare di Stabia presenta Oye Como Va di Tito Puente, I Remember di Clifford Benny Golson, Street Life composto da “The Crusanders” e interpretato dalla cantante Randy Crawford e Mas Que Nada di Sergio Mendez. Il coro del liceo ‘Pitagora-Benedetto Croce’ di Torre Annunziata ha in programma H. Purcell con Thou knowest Lord, G. Fauré con Benedictus e W.A. Mozart con Ave verum corpus. Il liceo ‘Bruno Munari’ di Acerra proporrà al pubblico Treasure e Uptown funk di Bruno Mars e Grande amore rock de Il Volo. L’Orchestra sinfonica dell’Isis ‘Girolamo Albertini’ di Nola ha scelto l’Elisir d’amore di Donizetti con Quanto è bella e Duetto, Rameau con Les sauvages e Bizet con Habanera. Gran finale con l’orchestra di fiati dell’Isis ‘Giuseppe Moscati’ di Sant’Antimo con il Concerto d’Amore di Jacob De Haan e Per un pugno di dollari di Ennio Morricone.

Al Parco Archeologico di Ercolano (Parco Maiuri), invece, le note cominceranno a risuonare a partire dalle ore 19.30. Si esibiranno in formazioni da camera e d’insieme i licei musicali ‘Pitagora-Benedetto Croce’ di Torre Annunziata, ‘Bruno Munari’ di Acerra e ‘Francesco Severi’ di Castellammare di Stabia.

Il ‘Severi’ sarà presente con l’ensemble di sette chitarre che eseguirà Aria dall’Armida al campo d’Egitto, Concerto in Re maggiore di Vivaldi, Canarios di Gaspar Sanz e Anonimo con Quando nascette Ninno e il Duo Flauto e Arpa con un repertorio di G. Bizet – Menuet, G. Donizetti – Largo e B. Andres – Algues. Il ‘Pitagora – Croce’ con il Quartetto di chitarre proporrà Morreno Torroba in Bailando un Fandango Charro e C. Domeniconi con A las doce de la noche (Suite: A las doce de la noche. Canção de natal. Fum, Fum, Fum. Corramos, Corramos). Infine, il liceo “Munari” si esibirà con il Duo di Corni che eseguirà il Te Deum  di Marc-Antoine Charpentier e il Minuetto di Johann Sebastian Bach.

“Come Città Metropolitana sosteniamo con convinzione questo appuntamento – ha affermato Ilaria Abagnale, consigliera metropolitana delegata alla Programmazione e all’Edilizia Scolastica per le aree vesuviana, sorrentina, nolana e flegrea – anche attraverso un importante impegno economico affinché vengano create le condizioni per consentire alle studentesse e agli studenti di esprimere al meglio il loro talento, di farsi ascoltare e apprezzare per le proprie capacità e competenze acquisite negli anni di formazione scolastica. L’augurio che voglio rivolgere loro è quello di poter far vibrare i propri strumenti nel corso della loro vita con un proficuo inserimento nel mondo della musica e dell’arte, seguendo sempre le proprie inclinazioni e il proprio estro”.

“Sono particolarmente lieta di presenziare a un evento dal grande valore didattico-culturale che la Città Metropolitana di Napoli porta avanti ormai da diversi anni – ha aggiunto la consigliera metropolitana delegata alla Scuola per Napoli e l’area nord, Marianna Salierno – e che rende protagonisti gli studenti dei nostri licei musicali e coreutici. L’orchestra è il paradigma in piccolo della società, imparare a suonare in orchestra, saper ascoltare i tempi altrui educa al rispetto delle regole ed è un modo gioioso di formare i cittadini del futuro”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

You cannot copy content of this page