Ha deposto durante la notte le sue uova su una spiaggia a Ischia e poi di primo mattino è tornata verso il mare: si tratta di un esemplare di caretta caretta avvistata stamattina sulla spiaggia della Chiaia, nel comune di Forio dopo aver lasciato il nido.
Alcuni operatori ecologici al lavoro si sono accorti dell’animale ed hanno avvisato una guardia ambientale che è arrivata quando la tartaruga aveva già deposto le sue uova, le aveva seppellite sotto la sabbia ed era tornata faticosamente verso l’acqua; in breve sul posto sono arrivati anche la Guardia Costiera e i volontari dell’area marina protetta che hanno transennato l’area e chiesto l’intervento degli specialisti del gruppo Ricerche Marine della Stazione Zoologica Anton Dohrn, coordinati dal dottor Maffucci.

Questi, arrivati alla spiaggia della Chiaia, hanno esaminato il nido e stimato che sono state deposte da 80 a 120 uova; ora l’area sarà interdetta a qualsiasi attività e sorvegliata 24 ore al giorno dai volontari del Regno di Nettuno e dagli uomini della Guardia Costiera per almeno 40/50 giorni, il tempo necessario affinché si schiudano le uova e la baby caretta prendano il mare.
“Siamo molto felici della sensibilità dimostrata dai cittadini – afferma Antonino Miccio direttore dell’area marina protetta – è un passo avanti importante che racconta una coscienza ambientalista e una attenzione fondamentale per la salvaguardia del nostro ecosistema marino”.
Nella stessa zona della Chiaia di Forio a settembre di 3 anni fa si schiusero durante la notte 25 uova di tartaruga, da un nido non segnalato; gli animaletti, confusi probabilmente dalle luci dell’illuminazione pubblica, si stavano dirigendo verso la strada invece che verso il mare e furono salvati dal bagnino di uno stabilimento balneare che li portò al largo su un pedalò.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

You cannot copy content of this page