“Siamo tranquillissimi”. Così il governatore Giovanni Toti rientrando nel suo appartamento a Genova scortato da personale della guardia di finanza in borghese.

Il governatore, apparso stanco, teneva in mano l’ordinanza di oltre 600 pagine della Procura.
Toti potrebbe adesso recarsi nella sua casa ad Ameglia, nello spezzino, dove ha la residenza in virtù degli arresti domiciliari per l’inchiesta sulla corruzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

You cannot copy content of this page