L' Altra Notizia

L' informazione indipendente

Attualità Politica

POLITICA. Trattativa M5s-Pd su Conte. Zingaretti: “No a rimpastone”

Roma: Luigi Di Maio invoca Giuseppe Conte premier: “E’ l’unico nome in campo“.

Nicola Zingaretti ribadisce il no e risponde che il Pd non è disposto ad andare al governo con il M5s per tappare i posti lasciati vuoti dalla Lega: “L’Italia non capirebbe un rimpastone del governo caduto“.

I partiti hanno ancora un giorno per dare un’indicazione al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

Ma, come ammette il segretario Pd dopo aver sentito al telefono il capo M5s, “una soluzione ancora non c’è”.

Non è ancora ufficialmente spento neanche il “forno” M5s con la Lega.

Tanto che circolano rumours su un possibile incontro tra i vertici dei due partiti.

L’ipotesi di ritorno al voto esiste. Ma è forte il pressing di Dem e pentastellati sui loro leader per l’intesa: se i M5s non cederanno a un nome terzo, l’idea di un “Conte 2″ (magari senza Di Maio) ha molti sponsor tra i Dem.

Dal Quirinale non trapela nulla di più di quanto detto dal capo dello Stato al termine delle consultazioni.

Nulla è cambiato: non si fanno sconti né dilazioni. Lunedì sera si attende di sapere dalle forze politiche qual è il risultato del loro confronto: su queste indicazioni verrà disegnato il calendario delle consultazioni. Che potrà quindi essere più o meno rapido. Mattarella attende ancora di sapere se c’è una maggioranza in Parlamento in grado di formare un nuovo governo.

Il M5s stringerà un nuovo patto con il Pd o farà un – ad ora del tutto inatteso – ritorno alla Lega? Questa la prima risposta da dare. Chiusa ogni altra possibilità, il presidente della Repubblica traccerà la via verso il voto a novembre.E’ muro contro muro tra Pd e M5S su Conte. La discontinuità deve essere garantita anche da un cambio di persone. Lo ha detto il segretario del Pd Nicola Zingaretti in una conferenza stampa nella sede del partito. “Noi pensiamo e continuo a pensare che in un governo di svolta la discontinuità debba essere garantita anche da un cambio di persone. L’Italia non capirebbe un rimpastone del governo che è caduto”.

Immediata la replica del Movimento. “La soluzione è Conte, il taglio dei parlamentari e la convergenza sugli altri 9 punti posti dal vicepremier Luigi Di Maio. Non si può aspettare altro tempo su delle cose semplicemente di buon senso. E’ assurdo. L’Italia non può aspettare il Pd. Il Paese ha bisogno di correre, non possiamo restare fermi per i dubbi o le strategie di qualcuno”. 

LEAVE A RESPONSE

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
You cannot copy content of this page
YouTube
RSS