In quella palazzina di Portici non è la prima volta che nascono discussioni tra condomini. Un’infiltrazione d’acqua rovina il solaio di un 58enne e con gli inquilini della casa al piano superiore, presunta origine della perdita, non si riesce a trovare un accordo.
Dalle parole si passa facilmente alle minacce.
L’uomo al piano inferiore, 58enne sorvegliato speciale con obbligo di soggiorno, non ci sta più e raggiunge i vicini per minacciarli di morte.
Lo fa puntandogli contro una spada: un’arma tanto cara ai samurai giapponesi, una katana.
I vicini lo vedono arrivare con la lama sguainata e compongono immediatamente il 112.
I carabinieri della stazione di Portici lo arresteranno  pochi istanti dopo per minacce e detenzione illegale di arma. Sequestrata la spada.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

You cannot copy content of this page