L' Altra Notizia

L' informazione indipendente

Ambiente Attualità Politica

AMBIENTE. Roghi tossici, Fanelli: “Il piano regionale e il ciclo dei rifiuti sono stati un fallimento”

Lunedi 23 settembre alle ore 10 presso il Consiglio Regionale della Campania, ho partecipato, in virtù dell’esposto che ho sottoscritto e firmato in Piazza ad Aversa con l’avvocato Luigi Benigno dell’associazione Tutele per i Consumatori alla seduta di audizione , richiesta dalla stessa associazione e convocata dal Presidente della commissione speciale sulle ecomafie e sulla terra dei fuochi per riferire in merito al PIANO DELLE AZIONI PER IL CONTRASTO AL FENOMENO DELL’ABBANDONO DI RIFIUTI E DEI ROGHI DOLOSI IN CAMPANIA – 2017/2018. (Delibera della Giunta Regionale n. 548 del 10/10/2016). Lo stesso esposto è stato inoltrato anche a tutti I Sindaci , compreso Rodolfo Visconti , che continua a non rispondere alla lettera/ appello che ho inviato a lui ed altri Sindaci dell’area a Nord di Napoli.ù

All’audizione, presieduta dall’On G. Zinzi, Presidente della III Commissione speciale, hanno partecipato la segretaria Maria Muscarà e il consigliere regionale Francesco Emilio Borrelli; l’incaricato per il contrasto del fenomeno dei roghi di rifiuti nella regione Campania, Gerlando Iorio; il coordinatore Unità Roghi presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri, Fabrizio Curcio; i delegati Arpac Mario Claudio e Roberto Bardari; il delegato di Legambiente Antonio Gallozzi e l’Associazione Centro Tutele Consumatori ed Imprese, ed il comitato Basta di Aversa . L’audizione ha messo in luce carenze e ritardi insostenibili da parte del governo nazionale, e dei governi precedenti, confermando l’inconsistenza dell’ultimo Patto per la Terra dei Fuochi siglato in Prefettura a Caserta, nonostante gli annunci ed i proclami sugli organi di stampa e sui social anche da parte del Ministro Costa- Il Vice Prefetto, Dott. Gerlando Iorio e l’ing. Fabrizio Curcio, coordinatore Unità Roghi presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri hanno ripercorso un po’ le tappe ed anche una serie di lacune che ancora persistono e che non consentono di debellare un fenomeno che non puo’ essere letto come una fase emergenziale ma come un problema strutturale.

In data 23 marzo 2012, il 17 ottobre 2012 e il l’11 luglio 2013 venivano sottoscritti Protocolli d’intesa volti all’attività di prevenzione, controllo e rimozione dei rifiuti lungo le strade, nonché di prevenzione e repressione dello smaltimento illegale e dell’incendio di rifiuti sui territori maggiormente interessati da detti fenomeni; l’aspetto che appare piu’ evidente è che in quei protocolli manca il coinvolgimento a pieno titolo dei Comuni, per tale motivo l’ing. Curcio ne sta chiedendo la modifica, affinché vengano coinvolti gli enti locali, sottolineando il mancato coordinamento dei Sindaci.

Si è sottolineato il fallimento del piano del ciclo dei rifiuti, la crisi della frazione organica che ha investito la Campania, e quindi ha interessato moltissimi comuni ne è la prova, giacché come evidenziato dal Vice Prefetto Iorio, sono in aumento di circa il 26% la combustione quindi i roghi per mano illecita dei rifiuti domestici, mentre negli anni precedenti i roghi interessavano maggiormente i siti di stoccaggio e gli impianti di trattamento dei rifiuti ( fenomeno nazionale e non solo Campano) nonché gli scarti dei rifiuti industriali e delle attività produttive sia esse quelle totalmente illecite, sia quelle legali ma che smaltivano in modo illecito i rifiuti . Hanno evidenziato infatti i relatori, che a seguito delle attività di indagini, che nel gennaio / luglio 2017 sono state sequestrate circa il 60% delle attività industriali illecite a fronte dello stesso semestre del 2019 con il 44% di attività sequestrate e circa il 40% dei soggetti arrestati.
Quei protocolli d’intesa sono stati in parte eseguiti ma tanta strada occorre ancora da fare.

Pur avendo sottoscritto successivamente dei protocolli di collaborazione nel novembre 2018 tra la polizia metropolitana di Napoli con quelle della provincia di Caserta, nonché un ulteriore protocollo tra la P.M. di Calvizzano ed altri 4 comuni vicini, tra cui Marano non sembra che siano stati forniti strumenti reali ai territori. Mentre, infatti l’accordo prevedeva che si uscisse in attività di prevenzione e controllo 2/ 3 volte la settimana in realtà la polizia ambientale esce sul territorio per questa attività una volta al mese, cosi’ come mi fu confermato dal nucleo di polizia ambientale di Marano. Il coordinamento delle polizie locali può certamente essere utile ma non basta. Non basta assolutamente e quanto hanno dovuto subire i cittadini in queste ultime settimane ne è la prova evidente. Bisogna fare i conti con l’esigenza di una elevata specializzazione in materia nonché con gli organici del tutto insufficienti-. Il presidio del territorio è uno strumento efficace laddove sia eseguito con una precisa strategia.

Tanti i punti salienti ulteriormente affrontati quello relativo alle indagini epidemiologiche sui territori su cui è stata messa messa una pietra tombale in danno della salute dei cittadini, evidenziando quanto i medici della rete di base debbano assolutamente confrontarsi con la filiera nazionale del Ministero della Salute-
Si evidenziato la necessità di implementare gli strumenti anche per i Comuni in regime di dissesto a partire da maggiori risorse per la rimozione dei rifiuti abbandonati , spesso proprie nelle zone di confine tra Comuni, altro aspetto che si è sottolineato durante l’audizione lo scaricabarile delle competenze nelle zone di confine.
Più volte si è evidenziata la lungaggine della burocrazia come ad esempio i notevoli ritardi nei progetti relativi alla videosorveglianza, e di quanto occorre semplificare i processi per l’acquisizione di fondi. A tal proposito ricordo che a breve dovrebbe essere avviato il bando di gara per l’installazione delle telecamere , visto tutti gli atti propedeutici già predisposti dagli uffci.
Alla fine dell’audizione ci si è lasciati con l’impegno da parte del Presidente della Commissione, a cui ho inviato l’appello che ho inoltrato ai Sindaci dell’area Nord, e dell’ing. Iorio della Presidenza del Consiglio di Ministri di convocare tutti i Sindaci dell’area metropolitana di Napoli e Sud di Caserta per una nuova seduta, per stabilire le azioni di intervento concrete sui territori-
Le proposte concrete che proveremo a portare nella prossima audizione, visto che i Sindaci a partire da quello della mia città continuano ad essere sordi rispetto all’appello che ho formalmente inoltrato ad ognuno di loro.

Una pietra tombale sui territori che i comitati ambientalisti e gli attivisti di STOP BIOCIDIO denunciano da anni , a quelle voci tutte le istituzioni sono chiamate a dare voce e risposte. Le mobilitazioni di questi anni e di queste ultime settimane non possono restare inascoltate.

• Continua azione di controllo PREVENTIVO SU TUTTI I SITI DI STOCCAGGIO E DI RACCOLTA RIFIUTI LE AREE VERDI AGRICOLE ABBANDONATE
• OSSERVATORIO PER LE AZIENDE PRODUTTIVE ED INDUSTRIALI CHE LAVORANO NEL SOMMERSO
• IL MERCATO DEI RIFIUTI SPECIALI, CHE NON HA UNA FILIERA PUBBLICA E’ SEMPRE PIU’ FIORENTE, BISOGNA IMMEDIATAMENTE COSTRUIRE UNA FILIERA PUBBLICA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI
• SOSTEGNO CONCRETO AI PIANI COMUNALI PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA

OCCORRE INOLTRE UNA MAPPA DETTAGLIATA DELLE AREE INCENDIATE SU AREE URBANE STRADE E CAMPAGNE ABBANDONATE IN MODO DA POTER INDIVIDUARE ANCHE LE CONSEGUENZE CAUSATE DAI ROGHI INCOMBENTI SU AREE ABITATE

Occorre immediatamente ripartire da un ciclo virtuoso dei Rifiuti, che realizzi quell’economia circolare basata sulla filiera del riciclo , del riutilizzo e del rifiuto ed è per questo che chiedo con forza all’amministrazione Comunale che venga dato seguito alla delibera di consiglio Comunale n. 105/ 2010 ( di cui fui la proponente nella seduta di consiglio comunale del 29/11/2010) che pone in essere politiche di indirizzo verso rifiuti zero.

Stefania Fanelli, consigliera Comunale – Marano di Napoli

 

LEAVE A RESPONSE

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
You cannot copy content of this page
YouTube
RSS