L' Altra Notizia

L' informazione indipendente

Cultura Scuola Sociale Spettacolo

CULTURA. L’uomo che salvó la bellezza: il nuovo libro di Francesco Pinto

Napoli: Viene presentato oggi il nuovo libro di Francesco Pinto. Un libro che fa capo agli orrendi avvenimenti della seconda guerra mondiale e in particolar modo focalizzandosi sulla brutta piaga dell’olocausto, ove appunto il genere umano cominciò una ‘guerra razziale‘ senza basi scientifiche o moraliste.

IL LIBRO: Dalla piattaforma di Google Books e da quella di Amazon E-book è possibile leggere anche la descrizione del libro: “Anche l’Italia ha avuto il suo Monuments man. Questa è la sua storia.

Ha poco più di vent’anni Rodolfo Siviero, poeta e critico d’arte, quando viene avvicinato da un funzionario del Partito Fascista. La richiesta che gli arriva è del tutto inattesa. Dovrà andare a Erfurt, nel cuore della Germania nazista, per raccogliere informazioni sul nuovo alleato. Dovrà diventare una spia. In Germania troverà molte cose. Una nazione ottenebrata dai deliri di potenza di un dittatore. Una donna, Emma, bellissima e misteriosa, con cui intreccerà una grande e diffi cile storia d’amore. L’orrore del campo di prigionia di Buchenwald. E scoprirà che Goebbels e Hitler intendono saccheggiare le città d’arte italiane, col beneplacito di politici compiacenti, per creare un grande museo del Terzo Reich. Cinque anni dopo, durante la guerra, a Firenze, Siviero è il leader di una squadra che, tra travestimenti, scontri armati e rocambolesche fughe, impedirà ai nazisti di saccheggiare il patrimonio artistico italiano. Lì, nella sua città, incontrerà di nuovo Emma…

Ispirato a una storia vera, il romanzo di un eroe che salvò gran parte del patrimonio artistico di Firenze dalle mani dei nazisti”.

LO SCRITTORE:

Francesco Pinto nasce a Salerno, il 16 Luglio del 1952. Cominciò la sua scalata nella gerarchia RAI tramite un concorso nel 1978. Nel 1987 ha prodotto per la Rai il film di Peter Del Monte Giulia e Giulia con Kathleen Turner, Sting e Gabriel Byrne, la prima pellicola italiana in alta definizione; è stato direttore Rai 3 portando lo share della rete al 10% ; Sempre sotto la sua direzione è rinata la programmazione della tv dei ragazzi  (presente nei palinsesti pomeridiani di Rai 1 fino al 2000) con la Melevisione e con l’arrivo del Gt Ragazzi da Rai 1 dal programma pomeridiano Solletico . Con la direzione di Pinto la rete ha visto anche il ritorno in televisione di Pippo Baudo. Nel 2000 ha deciso di tornare a dirigere il Centro Rai di Napoli e a continuare il suo assiduo lavoro presso gli studios di “Un posto al Sole“.                                               A Luglio del 2019 termina il suo operato alla Rai, e nello stesso anno comincia una nuova esperienza, quella del professore all’interno della facoltà di Culture digitali e della comunicazione, nel dipartimento di Scienze Sociali, nell’università Federico II di Napoli con la cattedra di Processi Culturali. Ambiente ove lo stesso professore Pinto giorno dopo giorno cerca di impartire le basi ai proprio studenti per un radioso futuro. 

LIBRI PUBBLICATI: Ha pubblicato, con Mondadori, i romanzi La strada dritta (2011, da cui è stata tratta l’omonima miniserie Rai), Il lancio perfetto (2014) e L’età dell’oro (2016).

LA PRESENTAZIONE: La presentazione avverrà questa sera 23 Gennaio 2020 ore 18:00, presso la libreria Feltrinelli a Piazza dei Martiri Napoli. Verrà presentato dallo scrittore Maurizio Di Giovanni e dallo scrittore Lorenzo Marone. Con le letture di Miriam Candurro, Patrizio Rispo e Riccardo Polizzi

Un evento all’insegna della cultura ove non ci si può di certo mancare.

LEAVE A RESPONSE

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
You cannot copy content of this page
YouTube
RSS