L' Altra Notizia

L' informazione indipendente

Politica

MARANO. Di Marino contro Paragliola: “Non mi sento più rappresentato dal presidente del Consiglio”

Marano: Gentile Sig.r Presidente del Consiglio ; Domenico Paragliola, ho letto con molta attenzione la sua “comunicazione che, nella somma ,enuncia da parte sua, un inopportuno richiamo Dogmatico , ovvero, un richiamo sui procedimenti e regole sia Politiche che, Tecnico- Amministrativo insite nel T.U.E.L da ben due decenni ,inoltre, trascritte nei testi di Diritto Amministrativo e degli Enti Locali . Comunicato, il suo, seguito, inoltre , da un altrettanto scorretto “richiamo che , secondo il mio personale parere, mi creda , poteva anche risparmiarsi di pubblicare. Il suo “comunicato, nella somma”, non dice niente di concreto e di nuovo , ma ha solo gettato sconforto e amarezza. Sconforto che ha ulteriormente contribuito , in questo terribile momento dove urgono piu’ fatti che parole.. , a demotivar la Comunita’ che rappresentiamo . Presidente Paragliola, checche’ se ne dica ,lo scrivente e il suo compatto gruppo ,ovvero, il gruppo che mi onoro di rappresentare in Assise ,nei tempi che possiamo, leggiamo e ci informiamo di volta in volta, sui migliori manuali di procedimento Amministrativo e di Diritto degli Enti Locali ,di certo non siamo degli sprovveduti e quando, come spesso e’ accaduto, abbiam forti dubbi sui procedimenti, le assicuro che non abbiam esitato a contattar ,con propria tasca, i migliori esperti Amministrativisti del nostro territorio ed anche, all’occasione, i migliori Docenti presenti nelle Universita’ Campane.

Il nostro non e’ stato uno sconfinamento Istituzionale ,ma solo la voglia di fare di piu’, di piu’ , in un momento delicato per la Citta’ e per le Istituzioni Locali ,le quali ,di fronte alla tragedia epidemiologica, si trovano ad affrontar e gestir enormi carichi di Lavoro e ulteriori incarichi con un personale amministrativo ridotto all’osso.. questione che lei conosce benissimo, ripeto ,conosce benissimo, se poi, vuole, posso ricordarle che ,il Governo Nazionale e le Regioni nell’affrontar questa terribile emergenza ,si sono viste costrette, al fine di evitare paludi Burocratiche e render piu’ celere l’azione amministrativa , a ridefinire ,momentaneamente , alcune regole insite negli Ordinamenti Nazionali e alcuni regolamenti amministrativi e di prassi… ma va bene cosi….
Presidente Paragliola, personalmente, non accetto la sua “lezione” Giuridica e Amministrava ,tuttavia, la Legge e i Regolamenti del T.U.E.L mi impongono, ed e’ giusto che sia cosi’, il riconoscimento appieno della sua figura Istituzionale ,figura Istituzionale che ,al pari del corpo della Rappresentanza , possiede specifiche prerogative e limiti, dico ,limiti ; attendo di saper da lei quali e quanti ne sono, considerato che ,nel suo comunicato, non ne ha fatto alcun accenno . Inoltre, sul piano personale e Politico ,anche quello (elettorale), ebbene ricordar a lei e ad altri , che , il suo Ufficio di Presidenza e’ , anche, e soprattutto , il risultato ultimo del nostro impegno e lotta ,sia elettorale che, Politica Lei , sig.r .Presidente , sul piano Politico, prima ancor che, istituzionale , e’ un nostro risultato.

Risultato , conquistato dal gruppo che ,ripeto, mi onoro di rappresentare ,il quale, con sacrificio e sudore, marciando serrato e compatto li’ in quei giorni di scontro e di conquista del consenso che porto’ alla vittoria l’intera compagine Politica concorrente accanto al nome di Visconti.
Scontro Politico che, in seguito ,fu portato anche in seno all’Assise per la sua elezione a Presidente del Consiglio

Il combattivo gruppo che ,ripeto, mi onoro di rappresentare ( Lista Visconti ) ,contribui’, sul piano del consenso e della vittoria con ben 2459 Voti , rispetto ai circa 1600 ottenuti dalla formazione con la quale lei si candido’ e , sulla forza di quei numeri, la mia lista volle fortemente, scontrandosi sia all’interno che , all’esterno della maggioranza, la sua elezione alla carica di Presidente . Cio’ posto , non certo per queste inconfutabili e incontrovertibili ragioni preferivamo il suo silenzio e ogni “ovattato trattamento, anzi, anzi , ma ci aspettavamo da lei una performance diversa ; lei e’ un Uomo di Partito e dovrebbe ricordarsi che esiste una disciplina di Partito la quale, impone che ogni controversia Politica venga affrontata e risolta all’interno delle mura delle rispettive sedi ,evidentemente ,tal disciplina vale solo per voi, evidentemente lei ci considera cani sciolti e sprovveduti ,ma si sbaglia, eccome ! Poteva ragguagliarci in modo diverso , ecco, anche se si fosse reso necessario accettare da lei metodi non proprio ortodossi ,ma se praticati e confinati dentro le mura delle nostre “sedi, le assicuro che avremmo reagito con ogni serenita’ e spirito costruttivo invece , lei , ha preferito ,di fronte alla Citta’, esporci insieme al Sindaco, al pubblico ludibrio , gettandoci di nuovo in pasto a coloro che , tanto aspettano per gettar fango su tutti noi e pure su di lei , si’, Presidente , pure su di lei (come nostra diretta espressione Politica) , ripeto ,(come nostra diretta espressione Politica) .

Presidente Paragliola , anche se, sul piano “personale , prima ancor che ,Politico, non mi sento piu’ rappresentato da lei , comunque ,rimane pur sempre ,ripeto, una nostra diretta espressione Politica, quindi ,quel fango che lei ha provveduto a farci arrivare, in buona parte va indirizzato , almeno che lei , non si fosse dimesso , e non mi sembra che l’abbia fatto , anche a lei .
Cordiali saluti.

Nota stampa consigliere Comunale Lorenzo Di Marino

LEAVE A RESPONSE

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
You cannot copy content of this page
YouTube
RSS