L' Altra Notizia

L' informazione indipendente

Attualità Sociale

MILANO. Nel 2019 c’è ancora chi non fitta ai meridionali “Sono razzista e salviniana”

Milano: siamo nel 2019 ma siamo costretti ancora ad assistere a clamorosi episodi di razzismo fra settentrionali e meridionali.
Vittima una ragazza foggiana che cerca casa in provincia di Milano per avvicinarsi alla compagna. Il caso vuole, però, che, durante la ricerca, si imbatta in una proprietaria di casa dichiaratamente razzista e salviniana.
Tutto fila liscio, proprietaria e inquilina si scambiano mail e messaggi concordando i termini del contratto, redatto dal commercialista della prima. Poco prima dell’ingresso nell’appartamento, la proprietaria decide però di rimandare di un mese l’inizio del contratto d’affitto, poi di annullarlo affermando di aver deciso, dopo un’analisi costi-benefici, di venderlo invece che affittarlo.
In realtà, aveva semplicemente scoperto le origini della ragazza, dopo aver visto la sua carta d’identità.

A raccontare la storia è la compagna della ragazza meridionale che, su facebook condivide gli audio vocali inequivocabili della donna.

Succede questo. La mia compagna decide di trasferirsi nel mio paese in provincia di Milano. Cerca una casa in affitto, la trova e se ne innamora. Si mette d’accordo con la proprietaria di casa, una ragazza, per far partire il contratto ad ottobre. Quindici giorni prima dell’inizio del contratto la ragazza le manda un messaggio dicendole che l’inizio del contratto slitta di un mese trovando scuse poco credibili. In un secondo momento la mia compagna riceve un altro messaggio da parte della ragazza che le dice che la casa in affitto non può più dargliela perché preferisce venderla. La mia compagna le risponde dicendole che non trova corretto cambiare le carte in tavola all’ultimo minuto e che i patti erano altri. In tutto ciò interviene la madre della ragazza che contatta la mia compagna. Il motivo per cui non viene data la casa in affitto alla mia compagna è perché la mia compagna è nata a Foggia. C O S A, direte voi. Esattamente. È nata a Foggia e la signora Patrizia di Malvaglio ritiene che in casa sua i meridionali non devono entrare. Allego messaggio e audio della signora che conferma il tutto.
Benvenuti nell’Italia di oggi dove, a quanto pare, c’è da tirare fuori i cartelli con scritto “Non si affitta ai meridionali” perché, evidentemente, non sono ancora passati di moda“.

 

LEAVE A RESPONSE

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
You cannot copy content of this page
YouTube
RSS