In quell’appartamento al quarto piano, in vico Parrettari, c’è poca luce. I palazzi sono incollati spalla a spalla e anche quelli sull’altro lato della strada possono essere sfiorati allungando le braccia.
Collegati da fili di biancheria ingiallita dallo smog, balconi nati dal nulla sfidano la gravità facendo l’occhiolino all’abusivismo nel quartiere Mercato.
E ancora in quell’appartamento, ancora al quarto piano, avvocati e carabinieri sono al telefono con una donna. Suo figlio ha causato un incidente stradale e servono soldi per scagionarlo.
Altri carabinieri sono alla porta, sentono quelle voci maschili seguire uno storyboard consolidato.
In uniforme e in abiti civili, a dispetto di quei “colleghi” al telefono, veri carabinieri della stazione di Borgoloreto e del nucleo operativo Stella.
Hanno bisogno di una scusa per entrare e sfruttano la carta dell’inganno. Imbrogliano i truffatori in un carosello di bugie e si fingono vicini di casa, indispettiti per la puzza di marijuana. Protestano ad alta voce e quando la porta si apre scatta il blitz: in manette finiranno Saverio Ianniello, Domenico De Martino e Roberto Messina. Nell’abitazione un piccolo call center dedicato alle truffe agli anziani. Sequestrati 10 cellulari, oltre 1600 euro in contante, un piccolo quaderno di appunti con i dettagli delle truffe in corso, 4 sim integre e una spezzata,  lanciata dalla finestra poco dopo il blitz.
Sotto sequestro anche un grammo di marijuana.
I 3 sono stati sottoposti ai domiciliari, risponderanno di tentata truffa.
La vittima in linea, hanno ricostruito i militari, era una 72enne di un piccolo paesino della provincia messinese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

You cannot copy content of this page