A 106 anni è stata operata in anestesia locale per l’impianto di un pacemaker e durante l’intervento ha raccontato ai medici il suo secolo di vita.

È accaduto nei giorni scorsi all’ospedale di Cento, nel Ferraraese.

Protagonista la signora Aide Borgatti, operata da un team guidato da Biagio Sassone, direttore della Cardiologia dell’ospedale centese.
“Sebbene mi fosse già capitato di intervenire su pazienti centenari, non è cosa frequente impiantare un pacemaker a una paziente alla soglia dei 106 anni”, racconta il professor Sassone. L’intervento, spiega la Ausl ferrarese, si è svolto senza complicanze e il giorno successivo la paziente è stata dimessa al proprio domicilio. Ma ciò che ha colpito della signora Aide è stata la sua “straordinaria lucidità – spiega Sassone, “e il perfetto stato mentale. La sua mente vivace e la chiarezza dei suoi pensieri e dei suoi ricordi sono davvero impressionanti. Durante l’intervento, abbiamo discusso ampiamente della sua vita iniziata nel 1918, alla fine della Prima guerra mondiale. Per me, appassionato di storia italiana del XX secolo, è stato come aprire un libro di storia. Ci siamo salutati con l’augurio di rivederci tra una dozzina d’anni, al momento della sostituzione della batteria del pacemaker”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

You cannot copy content of this page