Conto alla rovescia per le tappe delle meraviglie del Giro d’Italia. La Città Metropolitana di Napoli è pronta per il tris. Ormai a Napoli, a Pompei e in tutta l’area metropolitana si contano le ore. Fervono gli ultimi preparativi che porteranno i 172 corridori della Corsa rosa ai nastri di partenza delle due tappe della bellezza promosse dall’Ente di piazza Matteotti: la nona, in programma domenica 12 maggio, con arrivo a Napoli, e la decima, martedì 14 maggio – dopo il riposo di lunedì 13 – con partenza da Pompei.

Due tappe che faranno sì che, dopo i successi del 2022 e del 2023, la straordinaria bellezza di Napoli e della sua area metropolitana, con il loro carico di storia, arte, cultura, ambiente e paesaggio, sarà grande protagonista anche nell’edizione numero 107 del Giro d’Italia. Ma sarà sport e non solo: come, e forse più degli scorsi anni, la Città Metropolitana, i Comuni passaggio di tappa e le tante istituzioni e associazioni che operano nell’area hanno messo metteranno in campo un intenso programma di iniziative per la valorizzazione del territorio sotto il profilo turistico e culturale con un occhio sempre attento, tuttavia, anche al sociale.

I percorsi

 

Anche quest’anno, quindi, le tappe, volute dalla Città Metropolitana di Napoli per promuovere l’eccezionale patrimonio che solo il nostro territorio può offrire, regaleranno ai 700 milioni di telespettatori di audience potenziale dei 190 Paesi collegati dai 5 continenti la possibilità di ammirare alcuni dei luoghi più belli al mondo e fare un viaggio nell’incanto tra storia, bellezza, archeologia e patrimoni UNESCO.

La Avezzano – Napoli

La frazione di domenica 12 maggio partirà da Avezzano, Appennino abruzzese, per arrivare a Napoli dopo 212 km. I corridori raggiungeranno il Tirreno a Minturno e scenderanno lungo il litorale domitio per approdare nei Campi Flegrei, iniziando da Lago Patria, nel territorio di Giugliano, dove è previsto il traguardo dell’Intergiro, e, proseguendo per il Parco Archeologico di Cuma, il Lago Fusaro, la terrazza sul mare di via Panoramica a Monte di Procida, attraverseranno le meraviglie di Bacoli e Pozzuoli, con le loro aree archeologiche e la bellezza mozzafiato del paesaggio. Dopo essersi messi alle spalle l’Anfiteatro Flavio, alla carovana si spalancheranno le porte del capoluogo, che anche quest’anno calerà i suoi assi, con panorami da sogno e cartoline che faranno il giro del mondo: Coroglio e la collina di Posillipo, con via Petrarca, via Orazio, via Manzoni per poi planare su Mergellina e giungere sullo splendido Lungomare di Napoli, in via Caracciolo, che sarà percorsa nei due sensi di marcia con un’inversione all’altezza della rotonda di piazza Vittoria. La volata finale, che si disputerà, come nelle scorse due edizioni, in direzione Mergellina, determinerà il vincitore che potrà scrivere il suo nome, subito dopo il traguardo, sull’albo d’oro preparato dalla Città Metropolitana con i vincitori di tutte le tappe con arrivo a Napoli, da Giovani Rossignoli nel 1909 fino a Mads Pedersen lo scorso anno. Sarà il 45° tassello.

La Pompei – Cusano Mutri

L’altra tappa, la decima, di 142 km, in programma il 14 maggio, prenderà il via dal Parco Archeologico di Pompei, sito patrimonio UNESCO tra i più visitati al mondo, che ha superato, lo scorso anno, i 4 milioni di visitatori. Dopo un breve tratto in località Passanti nel territorio di Boscoreale, raggiungerà il centro di Poggiomarino (viale Manzoni, Via Roma, via Iervolino, via Tortorelle), la cittadina che ospita il Parco Archeologico Naturalistico di Longola, il villaggio protostorico sorto intorno al 1.300 a.C. sulle sponde del fiume Sarno noto come la “Venezia del Sud” – scoperto per caso nel 2000 durante i lavori di costruzione di un depuratore – i cui abitanti sono considerati i fondatori proprio dell’antica Pompei. In pochi chilometri i corridori si troveranno ad attraversare una storia lunga 1.400 anni, dal XIV secolo a.C. fino all’eruzione del 79. d.C., toccando due siti uniti tra loro da un indissolubile legame di causa – effetto.

Da lì la carovana proseguirà, lambendo i confini di Striano, per Palma Campania, la città del Carnevale e delle Quadriglie, raggiungendo San Paolo Bel Sito e poi Nola, patria di Giordano Bruno e dei Gigli patrimonio immateriale dell’umanità UNESCO. I corridori saluteranno l’area metropolitana di Napoli in direzione Cusano Mutri – Bocca della Selva, dove è previsto l’arrivo, lasciandosi alle spalle i territori dei Comuni di Camposano, Cicciano, Roccarainola e di Cimitile con le sue Basiliche Paleocristiane.

La Città Metropolitana, oltre agli interventi ordinari e straordinari sulle strade di propria competenza, ha anche impegnato importanti risorse per la sistemazione del fondo stradale delle arterie che saranno attraversate dai ciclisti.

I dati di Napoli al Giro

 

Quest’anno per la prima volta Banca Ifis ha effettuato uno studio scientifico che stima l’impatto economico del Giro d’Italia e individua comportamenti, attitudini e identikit degli spettatori e dei turisti sui territori. Secondo questa analisi, nel 2023 il Giro d’Italia ha generato un valore pari a 2 miliardi di euro, dimostrando la sua forza attrattiva e producendo valore economico per i territori che lo hanno accolto. Il potere attrattivo dei paesaggi italiani, unito al fascino della manifestazione, è un assist per il turismo: 1,8 milioni di spettatori che hanno seguito il Giro tramite i media intendono visitare i luoghi che li hanno affascinati. La voglia di rivivere i luoghi del Giro è supportata anche dalla pluralità di esperienze che si possono fare: dall’enogastronomia alla cultura, dalla natura e svago allo shopping.

Nella scorsa edizione, infatti, la Corsa ha avuto una copertura tv nel mondo di 23.285 ore di trasmissioni televisive per un’audience complessiva globale 694 milioni di persone. L’organizzazione ha accreditato 1.435 media di cui 1.098 giornalisti e 337 fotografi rappresentativi di 704 testate internazionali, nazionali e locali, con 89.200 articoli. Ma non solo tv e media: 10,4 milioni sono stati gli spettatori che hanno assistito al passaggio della Corsa in strada, lungo il percorso, di cui 1,3 mln giovani sotto i 14 anni.

Importanti anche i numeri del Giro digital website e app, che ha fatto registrare una copertura live di 38 milioni (+14% rispetto al 2022) con 427 news e 211 milioni di pagine viste; 200 milioni le visualizzazioni di contenuti video (+14% vs 2022).

La tappa di Napoli 2023 si è classificata al 3° posto come valore in visibilità TV mondo. Lusinghieri anche i dati di audience della TV italiana (RAI 2), con una percentuale pari al 20% di share. Una delle migliori tra le tappe non di montagna. In ambito digitale, per la tappa di Napoli 9 milioni le pagine viste (rispetto alle 5,6 mln del 2022) con 13,6 milioni di social impression.

L’Open Village al Plebiscito con la musica di RTL, animazione e intrattenimento. Domenica si esibiranno i ragazzi dell’Orchestra Sinfonica dei Quartieri Spagnoli

Le tappe saranno una festa. In occasione della tappa di Napoli, in piazza del Plebiscito sarà allestito l’Open Village del Giro, che sarà aperto sabato 11 dalle ore 16 alle 23 e domenica a partire dalle 13.30, con la musica di RTL e diversi momenti di animazione, intrattenimento e giochi: uno spazio nel quale i visitatori potranno entrare in contatto con la realtà e il mondo della Corsa rosa.

Nel villaggio saranno presenti uno stand del Comune e della Città Metropolitana, uno della Marina Militare e uno della Protezione Civile, oltre a diversi stand degli sponsor del Giro con gadget e laboratori che prevederanno anche il coinvolgimento del pubblico.

Ma la sorpresa probabilmente più gradita i visitatori la troveranno domenica pomeriggio: dalle 14.20, infatti, si esibirà l’Orchestra Sinfonica dei Quartieri Spagnoli, l’ensemble nato per sottrarre al pericolo di devianza – grazie ad un’offerta formativa musicale gratuita in termini di spazi, insegnamento e anche strumenti musicali a disposizione – i bambini e i ragazzi più vulnerabili di una delle aree cittadine con i tassi più elevati di dispersione scolastica e insuccesso educativo, fenomeni strettamente legati alla radicata situazione di disagio economico e marginalità sociale che sperimentano molti nuclei familiari presenti nella zona. Un’area, quella dei Quartieri, che, anche grazie a progetti come questo, vive un periodo di grande riqualificazione e rinascita.

Domenica i ragazzi suoneranno pezzi classici, jazz, e classici napoletani: da Verdi a ‘O sole mio, da Piovani a Morricone a Nino Rota per i visitatori e turisti che affolleranno l’Open Village del Giro.

Un ricchissimo calendario di eventi collaterali

 

Un evento che non è solo sport, ma anche scienza, mare, storia, cultura, sociale. Tanti gli eventi realizzati dalla Città Metropolitana con diversi partner.

Innanzitutto, nella serata di sabato 11 maggio saranno illuminati di rosa il colonnato della cattedrale di San Francesco di Paola di piazza del Plebiscito

In particolare, “La Scienza in Bicicletta”, in collaborazione con l’Università Federico II, porterà ‘pillole di scienza’ per studenti e appassionati. Tre gli incontri con i docenti dell’ateneo federiciano, che svilupperanno percorsi formativi in relazione ai benefici del ciclismo e dello sport declinati secondo le varie discipline accademiche, dalla medicina all’ambiente, dalla fisica all’alimentazione fino alla cultura e all’economia: il primo, sabato 11 maggio, dalle ore 10, a Caivano con gli allievi dell’Istituto superiore “Francesco Morano”; il secondo è previsto presso il Parco archeologico naturalistico del villaggio protostorico di Longola, nel comune di Poggiomarino, dove si parlerà finanche delle paleodiete, mentre il terzo si terrà il 2 giugno prossimo allo stadio Collana di Napoli in occasione della Giornata Nazionale dello Sport, nel giorno della Festa della Repubblica, anche nell’ottica di Napoli Capitale Europea dello Sport 2026. L’evento sarà realizzato in collaborazione con il Coni Campania e le rappresentanze di 70 federazioni sportive.

La Città Metropolitana ha messo in campo anche un altro progetto per gli studenti, “Mare di Vita e di Storia”, in collaborazione con la Marina Militare, partner del progetto, e con il Liceo Genovesi di Napoli, Capitaneria di Porto, Parco archeologico dei Campi Flegrei, e con il patrocinio della Fondazione Falcone e la direzione scientifica dell’Università Parthenope, per valorizzare la ‘risorsa mare’: non è un caso che la parte metropolitana della tappa di domenica si sviluppi quasi interamente vicino al mare. Gli alunni del Genovesi hanno seguito lezioni di archeologi, in particolare sul Parco archeologico sommerso di Baia, hanno intervistato in videoconferenza Maria Falcone, sorella del giudice Giovanni Falcone, sportivo e grande amante del mare oltre che cadetto, in gioventù dell’Accademia Navale. Domani, venerdì 10 maggio, saranno nella sala operativa della Guardia Costiera. Il 21 maggio convegno conclusivo al Genovesi in Piazza del Gesù.

Altro progetto “La corsa alla legalità”, che vedrà gli studenti dell’Accademia delle Belle Arti svolgere attività di formazione e tutoraggio nei confronti dei ragazzi del Centro di Giustizia Penale Minorile della provincia di Napoli.

Lunedì 13 maggio la Carovana Rosa a Cardito e al Parco Livatino di Caivano, con Faustino Coppi e i vertici di RCS Sport: divertimento e impegno per i valori dello sport e della legalità

 

In occasione del primo giorno di riposo del Giro, lunedì 13 maggio la Carovana Rosa arriverà a Caivano per incontrare i giovani della cittadina e un ospite d’eccezione: Faustino Coppi, il figlio del “Campionissimo” e di Giulia Occhini, nota come la Dama Bianca. Una manifestazione fortemente voluta dalla Città Metropolitana, dalla Commissione straordinaria del Comune, e da RCS Sport.

La Carovana – composta da circa 40 auto, tra cui diversi pick up, con a bordo testimonial degli sponsor che incontreranno il pubblico e regaleranno gadget – attraverserà, intorno alle ore 12.00, prima le strade di Frattamaggiore e del centro di Cardito per arrivare al Parco Livatino di Caivano, il nuovo Parco urbano attrezzato realizzato presso l’ex Centro sportivo Delphinia, tristemente noto alle cronache perché teatro delle violenze perpetrate dal ‘branco’ nei confronti delle due cuginette.

A partire dalle 12:30 circa, dunque, la Carovana sosterà nel Parco e darà vita a uno show con musica, balli, coreografie, animazione. Previsto un grande coinvolgimento del pubblico.

Successivamente, in programma un momento di riflessione e approfondimento cui prenderanno parte, tra gli altri, il coordinatore della Commissione straordinaria di Caivano, il Commissario di Governo, il Vicesindaco della Città Metropolitana di Napoli, l’amministratore delegato di RCS Sport Paolo Bellino, il Direttore del Giro d’Italia, Mauro Vegni, rappresentanti del programma di governo “Sport e Salute” e Faustino Coppi,

L’iniziativa servirà proprio a questo: a sensibilizzare i giovani – attraverso il linguaggio a loro più consono, quello della musica, dello spettacolo e del divertimento – verso i valori dello sport e della legalità.

Gli altri eventi

Sabato 11 l’Associazione “Amici di Fausto Coppi” organizza una Ciclopedalata che toccherà i 4 punti iconici della presenza del Campionissimo in Campania: Caserta, Napoli, Somma Vesuviana e Agerola. In ognuno di questi quattro luoghi c’è un simbolo dedicato a Coppi. A Napoli sosta all’Albricci, dove i ciclisti renderanno omaggio alla targa fatta apporre lo scorso anno dalla Città Metropolitana in ricordo della vittoria del Campionissimo del Giro della Campania in quel Velodromo.

A Bacoli, domenica 12 verrà allestito un vero e proprio villaggio sportivo nella Villa Comunale per accompagnare la partenza del Giro-E, con la partecipazione di diverse glorie del passato come Gianni Bugno, Chiappucci, Raffaele Illiano e Raffaele Ferrara. Da Bacoli partirà anche la Pedalata Mediolanum, sullo stesso percorso del Giro – E, con arrivo sempre a Napoli, sul Lungomare. Le pedalate anticiperanno il passaggio del Giro d’Italia utilizzando lo stesso percorso in direzione Napoli. Saranno allestiti un palco con maxi-schermo per seguire la partenza del Giro d’Italia e almeno 10 stand degli sponsor del Giro-E.

Nell’ambito del villaggio dello sport vi saranno una zona food con l’associazione dei Ristoratori Flegrei (ARF) che presenteranno due piatti freddi per l’occasione, nonchè nomi noti dell’enogastronomia locale, laboratori per i più piccini con il progetto di Gazzetta Biciscuola, allenamento di Baskin, il basket inclusivo nel limitrofo campo urbano recentemente rifunzionalizzato, un torneo di calcio tennis nel iconico lungomare di Casevecchie e, nel suggestivo specchio d’acqua del Lago Miseno una dimostrazione di Canoa Polo e una piccola regata di barche a vela. Sul palco si alterneranno, inoltre, numerose artisti.

A Giugliano, dove è previsto anche il traguardo dell’Intergiro, sabato 11, in piazza Annunziata, la Notte Rosa con musica moda, cabaret, per una serata presentata da Paola Mercurio, mentre domenica mattina si aspetterà il passaggio dei corridori al Villaggio Rosa nel parco Archeologico di Liternum, dalle 9, con il dj set di Gianluca Manzieri, la soprano Julia Bardulli e lo speaker Dino Piacenti. Previsti anche eventi sportivi e area food, animazione e fattoria didattica per i più piccoli.

A Napoli, invece, il Napoli Bike Festival organizza per venerdi 10, dalle ore 19.30 in Galleria Principe di Napoli, il Bike party (musica, performance, spettacoli, dj set, proiezioni video e mostre), e il Bike Pride che sabato 11, dalle 9.00, invaderà Napoli di bici festanti.

Dove vivere la tappa del 14

 

A Pompei, fino a sabato esposizione di maglie e biciclette storiche del Giro d’Italia all’interno del Museo Multimediale del Comune di Pompei (dalle ore 10:30 alle ore 13:30 e dalle ore 16:00 alle ore 20:00), mentre domenica l’evento “Bimbi in rosa”, una passeggiata collettiva in sella alle loro bici all’interno di un percorso cittadino chiuso al traffico con ritrovo in piazza Bartolo Longo alle ore 8.30. A seguire,  uno spettacolo con gruppo di artisti di strada. Inoltre, la premiazione di vecchie glorie che hanno fatto la storia del Giro d’Italia.

A Nola, in occasione del passaggio del Giro, il 14 maggio, sosta della Carovana Rosa dalle 12 in via Fonseca; a piazza Immacolata svetterà il “Giglio blu”, dell’artista internazionale Mimmo Paladino che, per la realizzazione – a grandezza naturale – dell’opera che ha fatto il giro del mondo, si è ispirato proprio alle altissime guglie tutelate dall’Unesco. L’iniziativa è stata promossa dalla Fondazione “Festa dei Gigli”. Non solo. In collaborazione con la Fondazione Spazio Amira e la Fondazione Parco Letterario Giordano Bruno sarà anche disegnato un maxi ritratto del filosofo nolano che colorerà l’asfalto di via Fonseca ricordando al mondo le origini del pensatore arso nel 1600 nel rogo di Campo de’ Fiori a Roma.

A Poggiomarino, sempre il 14 animazione e musica in piazza e lungo tutto il percorso in centro, da via Roma a via Iervolino.

Per le due tappe, quindi, tutta l’area metropolitana si colorerà di rosa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

You cannot copy content of this page