Durante i controlli predisposti dal Questore di Catania in occasione del 1° maggio, gli agenti della Squadra Volanti e Squadra Mobile hanno tratto in arresto due minori per resistenza a Pubblico Ufficiale e lesioni aggravate.

Nella circostanza i due giovani, a bordo di uno scooter, non hanno rispettato l’ALT Polizia dandosi alla fuga. Le moto-volanti hanno iniziato un inseguimento lungo il viale Kennedy, in zona Playa, informando i colleghi impegnati negli altri posti di controllo.

I poliziotti, alla richiesta di provare a bloccare lo scooter in fuga, hanno intimato nuovamente l’ALT, ma il conducente del veicolo anziché fermarsi ha travolto un agente della Polizia di Stato, facendolo rovinare a terra ferendolo.

L’inseguimento è proseguito per le vie della città in quanto i giovani non hanno desistito nonostante fossero inseguiti da più Volanti.

L’elicottero della Polizia di Stato è riuscito ad “agganciare” lo scooter mediante una sofisticata telecamera di bordo documentando tutte le fasi della fuga, così da fornire precise indicazioni a tutti gli equipaggi che nel contempo convergevano per bloccare i giovani.

Giunti in prossimità di via Ammiraglio Caracciolo, grazie ad una perfetta manovra dei motociclisti della Squadra Volante e della Squadra Mobile, i due fuggitivi sono stati costretti a fermarsi.

Non appena fermato il veicolo, i poliziotti sono riusciti a bloccare i due minori e ad assicurali all’interno delle Volanti nel contempo giunte per dare assistenza agli equipaggi impegnati nell’inseguimento.

Dagli accertamenti effettuati lo scooter non è risultato oggetto di furto, tuttavia è risultato privo di copertura assicurativa e di revisione periodica, ragione per cui, verosimilmente, i due minori si sono dati alla fuga. Il conducente è risultato privo di patente in quanto mai conseguita.

In ragione delle molteplici violazioni alle norme del Codice della Strada sono state elevate sanzioni per un ammontare di circa 6.000 €.

Il poliziotto travolto durante la fuga è stato subito soccorso dal personale del 118; è fuori pericolo, per cui dopo un periodo di riposo potrà riprendere il servizio operativo.

Il Pubblico Ministero presso il Tribunale per i Minorenni ha disposto che i due giovani venissero accompagnati al centro di prima accoglienza in attesa dell’udienza di convalida, a seguito della quale gli arresti sono stati convalidati e i due rilasciati con l’obbligo di ottemperare a diverse prescrizioni previste dall’Autorità Giudiziaria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

You cannot copy content of this page